Non accontentarti mai, non svenderti mai.

11950575_879413202154841_1429548895_n

Avrei tanto voluto che i miei genitori  mi insegnassero fin da piccola a non accontentarmi delle vie di mezzo, a non accontentarmi del “meno peggio”, a non svendere me stessa in cambio di un po’ di compagnia e un briciolo di comprensione.

Ma purtroppo non è andata così, e ho dovuto imparare a mie spese cosa sia il rispetto per se stessi, a discapito delle regole sociali e di tante morali del cazzo.

Alla veneranda età di 30 anni, mi sono improvvisamente resa conto che non avrò altre vite a disposizione per provare altre strade; e quindi, se voglio qualcosa per me, devo cercare di conquistarla adesso. E se alla gente intorno non sembra giusto….che si fotta. Tutta quanta.

Normalmente sono molto pacata e gentile col mondo intorno (anche se da qualche espressione colorita poco sopra si potrebbe evincere il contrario), e non vorrei dover essere costretta a cambiare questo mio aspetto “educato” che apprezzo molto quando lo trovo anche negli altri. Ma non esisterà più che, per essere educata, io vìoli me stessa e mi faccia pestare i piedi senza aprir bocca.

Tante, tante e tante volte ho abbassato la testa e ho lasciato che mi facessero del male pur di non scontentare gli altri. Questi “altri” che però non meritavano affatto tutto il mio dolore. “Altri” che neanche si rendevano conto di quel dolore. Altri che, pur vedendolo, non apprezzavano il mio sacrificio.

Forse, parlando così in termini generali, è un po’ complicato rendere il concetto, mentre vorrei che fosse ben chiaro. E non tanto perchè altri lo capiscano, ma perchè io stessa, rileggendo queste righe tra qualche tempo, possa ricordare vividamente cosa sto provando adesso: il coraggio di essere me stessa, la consapevolezza di ciò che voglio e di quello che non voglio, il rispetto per la me piena di difetti che deve pretendere questo stesso rispetto anche dagli altri.

Ho smesso di rincorrere, sperare e desiderare la presenza di persone che mi hanno ferita in passato e che non meritano il mio impegno. Non perchè io sia speciale, diversa o chissà cos’altro, ma semplicemente perché ho il dovere di proteggermi dalla gente intorno che non è sempre disposta a fare attenzione a non calpestare i sentimenti altrui. Ho smesso, lo confermo, ma resistere alla tentazione di cascarci di nuovo è difficile. E’ difficile per tutto il cuore che ci ho messo al tempo in cui certe relazioni sembravano poter funzionare davvero. E sono consapevole che i grandi e piccoli pezzetti di cuore che ho regalato, non mi saranno restituiti.

Spero che il cuore rimasto sia abbastanza per far felici le persone che verranno.

 

 

 

 

 

 

 

Sono guarita.

freedom

Dopo anni persi ad inseguire una felicità fatta di niente, oggi sento che sono finalmente guarita.

Mi sono svegliata da un lungo sogno frammentato da incubi, un sogno in cui ero la persona sbagliata per me stessa e per gli altri.

Ho provato per anni ad adattarmi, a diventare ciò che la società voleva che fossi.

Ho provato a fare la dieta; ho provato ad essere gentile con chiunque, anche con chi non se lo meritava; ho provato a dimenticare i torti subiti per non creare polemiche di sorta; ho provato a far finta che i pettegolezzi sulle vite altrui mi interessassero; ho provato ad adattarmi alle mode del momento; ho provato ad accontentarmi delle cose materiali; ho provato ad adattarmi ad ogni situazione, anche quella in cui davvero non sarei voluta stare; ho provato ad amare “nonostante tutto”, come raccomandano i vecchi di una volta che restano insieme per la vita pur odiandosi a vicenda.

Le ho provate davvero tutte per sembrare perfetta, intelligente, capace, vincente.

Il risultato però è stato disastroso.

Ho sopportato le peggiori torture, ho violentato me stessa, e tutto andava apparentemente bene fino a quando non sono inciampata in qualcosa che non avevo programmato. Sono caduta, e mentre cadevo ho pensato che da sola non potessi farcela, che dovevo aggrapparmi alla persona che avevo accanto; ma così facendo ho portato giù anche lei. Ci siamo fatti molto male, un male che non scorderò mai, e ho pianto fino a non avere più respiro. Ma alla fine di quel pianto ho trovato una consapevolezza nuova. Ho ritrovato me stessa; e pensare che lì per lì neanche mi sono riconosciuta.

Per quanto insistentemente il cuore mi dicesse “non riesci farlo”, e per quanto forte la gente intorno urlasse “non puoi farlo”, ho corso il rischio più grande possibile e ho deciso che avrei salvato me stessa da una vita infelice e senza sogni.

E nella nuova vita, quella di adesso, sento di essere diventata ciò che realmente sono. Ho riscoperto il rispetto per me stessa, l’accettazione dei miei difetti (be’, non proprio tutti a dire il vero, ma ci sto lavorando), la consapevolezza di dover fare ciò che mi fa stare bene, di dovermi circondare di persone che abbiano rispetto di me e che non pretendano di cambiarmi ad ogni costo. Ho capito che non devo cambiarmi per piacere agli altri e che l’impegno in qualsiasi tipo di relazione deve essere reciproco.

So che non sarà semplice evitare di cascare nella trappola dell’approvazione ancora una volta, ma il dolore appena vissuto servirà proprio nei momenti di debolezza, in cui cedere sembrerà più facile che continuare a combattere per me e per le persone che mi stanno accanto.